Il matrimonio canonico

Il matrimonio canonico è il matrimonio celebrato tra un uomo e una donna seguendo la liturgia prevista dal codice di diritto canonico e dalle altre norme della Chiesa cattolica.

Il matrimonio canonico viene disciplinato dal "Codex iuris canonici" ed è considerato un sacramento della chiesa cattolica avente per fine principale quello di unire due persone di sesso opposto affinchè generino ed educhino la prole realizzando inoltre una forma di reciproca solidarietà.

Requisiti ed impedimenti al matrimonio canonico



Requisiti naturali previsti dal codice canonico affinchè le parti possano contrarre matrimonio sono:

- la capacità di intendere e di volere;
- la capacità sessuale, per cui la condizione di impotenza preesistente al matrimonio genera la sua nullità;
- la mancanza di un precedente vincolo matrimoniale.

Sono invece considerati requisiti di diritto positivo il raggiungimento dei 16 anni di età per l'uomo, dei 14 per la donna e la non sussistenza di vincoli religiosi solenni: il codice canonico prevede che siano soggetti a dispensa i soli requisiti di diritto positivo.

Tra gli impedimenti previsti dal diritto canonico ci sono:

- la consanguineità tra le due parti;
- la disparità di culto;
- il delitto tentato o consumato nei confronti del coniuge dell'altra persona;
- l'adulterio.

Formalità preliminari del matrimonio canonico

Formalità precedenti la celebrazione del matrimonio canonico sono le pubblicazioni, da effettuarsi almeno per otto giorni comprendenti due successive domeniche presso le parrocchie di entrambi gli sposi. Al titolare della parrocchia della sposa devono essere inoltre consegnati i rispettivi certificati di battesimo e di cresima.

Celebrazione del matrimonio canonico

La procedura della celebrazione, inizialmente fissata con concilio di Trento, è stata successivamente modificata, prima con decreto del 1908 e recentemente con l'introduzione del nuovo rito nel 1969.

Durante la cerimonia, svolta in presenza di due testimoni, il sacerdote invita gli sposi a pronunciare la formula del reciproco impegno, quindi iscrive l'evento sia sull'apposito registro matrimoniale che su quello battesimale.

Lo scioglimento del matrimonio canonico

Il matrimonio canonico si scioglie o per morte di uno dei due coniugi o per indulto pontificio nel caso in cui il matrimonio stesso non sia stato consumato o sia avvenuto tra due infedeli di cui uno si sia poi convertito alla religione cattolica.

Costituiscono invece cause di invalidità dello stesso la mancanza di consenso, la sussistenza di vizi o l'apposizione di condizioni al consenso medesimo.

Link:http://www.duesudue-wedding.com/

©2020 TrovaInfo | Privacy Policy | Powered by egolem.it